Open day regionale del Volontariato

Standard

Telefono Donna partecipa all’Open Day Regionale del Volontariato Domenica 28 Settembre in Piazza Boves  a Cuneo.

Open day volontariato

L’Associazione aderisce all’iniziativa organizzata dal  CSV Società Solidale. Scopo: farsi conoscere, promuovere le buone prassi e trasmettere alla cittadinanza che fare del bene fa stare bene.

Porte aperte per conoscere, partecipare e sostenere. Questo lo slogan dell’8^ edizione della Giornata Regionale del Volontariato, indetta dal Consiglio Regionale del Piemonte, e che quest’anno si concretizza con un vero e proprio Open Day realizzato in collaborazione con i Centri di Servizio per il Volontariato.

Un’occasione unica per capire chi sono i volontari che spesso intervengono nei momenti di emergenza e che aiutano chi è in difficoltà. Che cosa fanno? Come agiscono? A chi si rivolgono? Come si possono richiedere i loro servizi e come si possono aiutare?
Il confronto diretto con chi quotidianamente dedica parte del proprio tempo agli altri sarà sicuramente occasione di stimolo per tante persone per entrare a far parte di uno dei sodalizi operanti sul territorio.

Alle ore 12, insieme ai giovani volontari, ci sarà un flash mob che si svolgerà in contemporanea nelle piazze delle principali città piemontesi: tutti insieme, i volontari coloreranno il cielo cuneese lanciando in aria palloncini pieni di “impegno e speranza”.

  • Date

Presentazione del saggio “Ferite di parole”

Standard

Ferite di ParoleIl saggio “Ferite di parole”, presentato a Cuneo nello scorso “8 marzo e dintorni” e scritto  da Ivana Trevisani e Leila Ben Salah (Ed. Poiesis), si prefigge il compito da far conoscere, attraverso testimonianze dirette, il ruolo e il coinvolgimento attivo delle donne nelle rivoluzioni arabe che stanno scuotendo e modificando in maniera, talvolta anche radicale, le società tunisine, egiziane, libiche e siriane. Mentre la Trevisani, antropologa e psicologa, svolge attività di formazione all’estero, collaborando con organizzazioni non governative, Leila Ben Salah è una giornalista italo-tunisina, la cui doppia cittadinanza le permette un contatto più diretto con il mondo arabo.
Attraverso interviste dirette ad un numero considerevole di donne arabe si intende sfatare il mito sostenuto dai mass-media occidentali della subalternità della donna, posta sempre in secondo piano ignara, addirittura priva di personalità politica e sociale. Già prima dello scoppio delle rivoluzioni le donne erano state protagoniste di clamorosi scioperi e proteste contro i regimi dittatoriali allo scopo di salvaguardare il diritto al lavoro e alla dignità personale.
Durante la rivoluzione poi “hanno occupato la scena pubblica per dire no alla povertà, alla corruzione dello Stato, a elezioni manipolate, alla repressione, alla tortura e alla violenza della polizia” portando in piazza le loro differenze e le loro contraddizioni di appartenenza sociale, economica, religiosa.
La caduta dei regimi dittatoriali in alcuni Paesi è solo il primo passo verso la democrazia ed il riconoscimento dei diritti delle donne. Conoscere il travaglio, l’anelito al cambiamento di tante donne al di là del Mediterraneo che hanno intrapreso un lungo cammino di emancipazione,  permette alle donne italiane di superare tanti pregiudizi e di acquisire la consapevolezza della complessità e varietà dell’universo femminile in contesti diversissimi sempre accomunati da un profondo senso della dignità della vita.

  • Date